GP 7&8 2021/22

Dopo la pausa invernale è ripartito il Campionato F1Ita-Roma, 28 iscritti ai GP 7&8 e 26 piloti effettivamente in pista in una domenica fredda ma con un bel sole che ci ha consentito di disputare dei bellissimi GP.

La cornice del Miniautodromo “La Tartaruga” di Guidonia è sempre affascinante per la conformazione del tracciato che permette alle F1 di esprimere al meglio il loro potenziale.
In questi GP F1italianseries abbiamo avuto la novità del cambio gomma data l’indisponibilità delle Hudy omologate per il Campionato.
La scelta è andata sulle Gomme Fenix che si sono rivelate ottime sia da un punto di vista prestazionale sia dal punto di vista della facilità di guida.

Oltre ad avere un formato in scala molto simile alle nuove gomme reali delle F1 hanno anche un comportamento più realistico e pur dovendo adattare i modelli alle nuove dimensioni, non hanno creato problemi nella messa a punto anzi hanno probabilmente contribuito a diminuire il gap di prestazioni tra un pilota e l’altro.

C’era ovviamente molta attesa per la ripresa della stagione e i GP sono stati molto combattuti a dimostrazione in GP7 i primi 5 piloti tutti nello stesso giro dopo 18 minuti e 2 pitstop con un distacco di 8 secondi tra il primo e il quinto!!!

Ma andiamo con ordine In GP 7 il Q1 vede subito molto agguerriti Tancioni (Aston Martin), Capuano (Benetton), Giannini (Footwork) e Fonti (Red Bull), con le Mercedes di Nicosanti e Sellani in difficoltà come la Ferrari di Di Gaetano e le McLaren di Barberi e Morgagni. Ed anche in Q2 le difficoltà di Mercedes e McLaren si evidenziano mettendo fuori dal Q3 Sia Barberi sia Sellani.
Entrano invece con una grande prestazione in top ten Bruschi (Alpine), Lulli (Footwork) e Bellini (Aston Martin)
Tra gli esclusi, pur con un’ottima prestazione anche Mammoliti (Lotus Castrol), Laneri (Jordan 7Up) e Dell’Arciprete (Alpha Tauri) .
Q3 spettacolare con i 10 Piloti in 1 secondo e la spunta Giannini (Footwork) per 1 centesimo su Capuano (Benetton) e 1/2 decimo su Tancioni (Aston Martin) !

Belli anche i Mini GP (Qualifing Race) dove vincono Mammoliti (Lotus Castrol) e Barberi ( McLaren) con Laneri (Jordan 7Up), Stracca (Haas) e Cardelli (Benetton) che vanno a completare la griglia di GP 7


Sfortunate le prestazioni di Alfa Romeo con D’Onorio e Minotti attardati da problemi tecnici, delle due Williams di Scarsella e Giuliani, della Lotus Camel di Sciuga, di Felicioli (Alpine) e Guerra (Jordan 7Up).

Il GP è stato combattutissimo e dopo un incidente alla seconda curva che ha messo nelle retrovie il Poleman Giannini (Footwork) ha visto una battaglia serrata fino all’ultimo giro con un podio strameritato per Capuano, Nicosanti e Tancioni.

 

Anche GP 8, disputato dopo la pausa pranzo ( ottima Gricia fatta da Peppe), ha regalato non poche emozioni confermando i la velocità di alcuni Piloti, su tutti Pericle Tancioni (Aston Martin) e riservando alcune sorprese come il terzo posto di Barberi ( McLaren), le ottime prestazioni di Mammoliti (Lotus Castrol), di Laneri (Jordan 7Up), Lulli (Footwork), Giliberti (Haas) e Sellani (Mercedes).

Bellini (Aston Martin) e Bruschi (Alpine) vincono i rispettivi Mini GP e si qualificano con Sellani, Lulli e Giliberti.

Come ho detto prima il GP è una battaglia a tre con Tancioni che la spunta su Capuano e Barberi.

Personalmente sono sempre più contento per il modo e lo spirito con cui tutti i Piloti affrontano le giornate di Gara, massima disciplina nei Box, sempre puntuali alle verifiche e al servizio raccolta, corretti in pista e “abbastanza silenziosi” sul palco, momenti in cui sale l’adrenalina ci sono come è giusto che sia ma passa tutto dopo pochi minuti. Complimenti a tutti! Come vi ho sempre detto siete voi Piloti ad aver creato tutto questo. Bravi Bravi Bravi.

Adesso vorrei passare a qualche considerazione di carattere più generale e chiarire alcuni aspetti del nostro piccolo mondo Rc

La cosa più ridicola sono le ormai innumerevoli gare con la denominazione “Campionato Italiano”…..Imbarazzanti, oltre ad avere la Categoria F1 con 8 partenti ( ultimo Campionato Italiano AMSCI) hanno anche il coraggio di criticare, postare foto e post trionfalistici.
Probabilmente le varie associazioni (AMSCI-ACI-UISP) non hanno ancora capito che questo gioco, perchè di gioco si tratta, è destinato a morire e la cosa più grave è che morirà per colpa loro…Per la loro arroganza, per non essere capaci di cogliere le evoluzioni del mondo Rc, per non essere capaci di riportare tutto al MODELLISMO, perchè ne fanno una guerra tra poveri (importatori e distributori) su quale sia il modello, la gomma, il motore o la batteria migliore, perchè continuano ad alimentare il “mercato” dei pilotini ufficiali ( la risata è d’obbligo) partecipando a gare con un numero di iscritti ridicolo….

Purtroppo è tutto tipicamente italiano, dove tutti pensano di essere più furbi degli altri, dove manca programmazione e soprattutto visione a lungo termine, dove nessuno fa nulla per comprendere le esigenze di un mercato che sta scomparendo sempre più sostituito dai Videogiochi.

Noi in 12 anni abbiamo creato un’isola felice, siamo stati i primi in Italia ad usare le gomme in lattice sulle F1, i primi a scegliere la motorizzazione 21.5, i primi ad imporre carrozzerie realistiche, i primi ad allungare i minuti di gara, contro tutto e contro tutti, ci hanno preso in giro, hanno provato a fermarci negandoci le piste, tirando merda sull’organizzazione e sui piloti…..

I risultati però parlano chiaro, il nostro Campionato, schifato dai più, conta una media di 25 Partenti ad ogni GP, ha fatto giocare oltre 150 Piloti in 12 anni e nonostante le porte in faccia, i sorrisetti di scherno, una Pandemia e un Cancro (il mio), riusciamo ancora ad essere la più bella giostra del mondo Rc.

Noi con 8, 10, 12 iscritti ci vergogneremmo ad organizzare un GP e peggio ancora a definirlo “Campionato Italiano”.

Adesso i fenomeni sono pronti a partire con la crociata in favore delle gomme in spugna per le F1….è evidente, visti gli ultimi 12 anni, che sono dei deficienti.

In questi anni mi sono sentito dire più volte che saremmo durati poco, mi sono visto chiudere le porte delle piste su Roma, mi hanno chiamato importatori e distributori per criticare e MAI per fare un complimento, mi hanno costretto a disputare un intero campionato in trasferta, hanno insomma fatto di tutto per renderci la vita impossibile ma proprio per lo spirito e la bontà delle nostre idee siamo andati avanti anche solo per dimostrare a tutti che il MODELLISMO e le F1Rc sono vivi e vegeti e bisogna soltanto essere in grado di gestirli assecondando le esigenze dei Modellisti ( quelli veri) e mettendo da parte gli interessi personali.

Quelli che vi ho appena esposto sono FATTI, le chiacchiere, i se e i ma li lasciamo ai fenomeni.

Noi ci ritroviamo in pista il 10 Aprile, sempre a Guidonia, per i GP 9&10 con un Campionato apertissimo sia sul fronte Piloti che sul fronte Costruttori!!